ADDIO WINDOWS XP

ADDIO WINDOWS XP

stopxp

Dal 08 Aprile Windows Xp a fine corsa, quali rischi corriamo ?

Dopo 12 anni di onorata carriera il nostro sistema operativo più amato ammaina la bandiera e si ritira.

[dropcap]C[/dropcap] ome qualunque altro prodotto disponibile sul mercato, anche i sistemi operativi seguono un loro ciclo di vita. Comincia da quando vengono rilasciati commercialmente, continua per anni con la pubblicazione e distribuzione dei periodici aggiornamenti che vanno ad arricchire le funzionalità e a correggere i bachi e i difetti di funzionamento, si conclude con la fine delle attività di supporto per il sistema operativo .

Per una data versione di Windows, Microsoft fa riferimento alla data a partire dalla quale non fornirà più correzzioni automatiche, aggiornamenti o assistenza tecnica online e offline. Entro tale termine diventa critico verificare che nei computer o nei server in uso sia installato il Service Pack o l’aggiornamento più recente. Ciò perchè una volta terminato il supporto, non è più possibile ricevere aggiornamenti di protezione per mettere al riparo le macchine dagli attacchi malware (virus, spyware e codice maligno) . Praticamente i vostri computer continueranno a funzionare ma saranno più esposti a rischi di contrarre virus o codice maligno . Inoltre ci sarà da considerare il fatto che molti produttori di hardware e software, partner di microsoft, stanno sviluppando prodotti e applicazioni compatibili solo con i nuovi sistemi operativi . Significa che nuovi prodotti hardware come stampanti, webcam, dispostivi esterni non saranno più compatibili e lo stesso vale per molti prodotti software come gestionali o applicativi di vario genere. Un altro problema che si riscontrerà saranno le compatibilità dei vari browser per navigare, che oltre ai rischi di sicurezza non saranno più compatibili con la versione di windows xp, ciò significa che si possono riscontrare problemi con applicativi web tipo home banking o software che funzionano tramite applet nel vostro browser .

La data del 8 aprile rappresenta anche un campanello d’allarme e può suonare come un ritardo per tutte le organizzazioni piccole o grandi che non abbiano ancora attivato un processo di migrazione verso un sistema operativo più moderno. La distribuzione e installazione di un nuovo sistema operativo sulle varie macchine di una rete aziendale richiede infatti di norma un certo tempo fisiologico per le fasi di pianificazione e collaudo, prima di poterlo mettere effettivamente in produzione . Tempo che oltre tale data avrà l’effetto di lasciare i computer esposti a vari rischi di sicurezza.

LE CONSEGUENZE pratiche sono quelle di

  1. Esporre tutti i computer con installato Windows Xp, Office 2003 o windows server 2003 esposti a una serie di problemi e rischi di notevole intensità .
  2. Gravi problemi di compatibilità con nuovo hardware tipo stampanti, lettori barcode, lettori smartcard di nuova generazione .
  3. Problemi di compatibilità con software nuovi o con aggiornamenti recenti quali gestionali, applicativi di vario genere.
  4. Incompatibilità con nuove versioni di browser con la conseguente incompatibilità di collegamenti home banking, applet web based o altre applicazioni che girano su browser recenti .
  5. Gravissimi problemi di sicurezza quando si naviga nel proprio conto corrente con il rischio di furto dei dati .
  6. Problemi di intromissioni esterne nella rete aziendale .
  7. Sottrazione di dati e informazioni di valore, dalla sottrazione di dati o documenti fino all’appropriazione di informazioni segrete.
  8. Antivirus e malware non saranno più attivi a partire dal 2015 .

 

Secondo una stima di Gartner, più del 15% delle imprese di medie e grandi dimensioni avranno ancora Windows Xp in funzione su almeno il 10% dei loro pc anche dopo l’interruzione del supporto da parte di microsoft.

COSA FARE per non incorrere in questi rischi ?

  1. Evitare di esporre le macchine con sistema Windows Xp al collegamento internet
  2. Evitare di fare transazioni bancarie con macchine obsolete e non sicure
  3. Evitare di lasciare dati sensibili
  4. Evitare di usare software non certificati per funzionare con Windows Xp
  5. Non scaricare o installare software derivanti da terzi parti e non conosciuti .

 

LA SOLUZIONE è quella di non rimandare mai gli investimenti IT in quanto non solo è pericoloso par la sicurezza e la salvaguardia delle informazioni di business e dei dati, ma diventa anche controproducente e non conveniente dal punto dei vista dei costi di gestione e della reale utilità che devono dare i computer in azienda. Tutto questo non solo genera costi aggiuntivi ma rende anche le macchine meno produttive e sfruttabili, di conseguenza anche il personale diventa meno produttivo .

Si consiglia quindi :

  1. Nel caso l’hardware non sia molto vecchio di installare  un sistema operativo più aggiornato e passare almeno a Windows 7, se possibile meglio ancora a Windows 8.1 .
  2. Se l’hardware fosse troppo obsoleto fare un intervento più consistente, la strategia migliore dal punto di vista della sicurezza sarebbe acquistare un nuovo parco macchine con pc dotati di Wndows 8.1

 

Per ovviare all’obsolescenza tecnologica noi consigliamo ai nostri clienti di noleggiare i sistemi it, computer, server, stampanti e fotocopiatrici. Così facendo dopo il noleggio si ha sempre la possibilità di rinnovare il parco macchine ad un costo contenuto e completamente detraibile fiscalmente. Un grosso vantaggio in termini economici e di sicurezza . Per saperne di più prova a calcolare la tua rata e scopri il noleggio sulla nostra pagina web dedicata . “NOLEGGIO” .

 

Vi lasciamo con una frase che Microsft ha rilasciato in riferimento a questo stop che ci sembra riassuma al meglio tutto l’articolo .

Bisogna coglierla come un opportunità per modernizzare il proprio modo di lavorare, approfittando dei vantaggi che solo le nuove tecnologie possono dare .

(Cit. Microsoft)

* Il sito Microsoft dedicato alla fine del supporto per ricevere maggiori informazioni è  http://www.windowsxp.it/ .     #ciaoxp

2017-05-03T09:48:43+00:00 3rd aprile 2014|Blog, Informatica, Sicurezza informatica|